Come acquistare i tuoi primi Bitcoin

di | 13 Maggio 2019

Bitcoin sta entrando in un nuovo trend positivo e non vuoi farti sfuggire questa occasione?? oppure stai valutando come acquistare le tue prime criptovalute?? In questo articolo ti elencherò varie modalità per acquistare le tue prime “monete digitali”.

Primo disclaimer. Con questo articolo non ti voglio incitare ad investire. Ricordati sempre che il mercato delle criptovalute è un mercato ad altissima volatilità e speculazione. Quindi fa’ le tue valutazioni e, soprattutto, investi ciò che puoi permetterti di perdere.

Secondo disclaimer. In questo articolo metterò dei link per la registrazione ai vari siti/exchange. Voglio essere trasparente: questi link sono dei referral, quindi se ti registrerai con il mio link io gudagnerò qualcosina (di certo non mi arricchirò) e in alcuni casi puoi guadagnarci qualcosa anche te. Posso comunque assicurarti (se non ti fidi fa’ pure i controlli del caso) che non ci perderai niente e al contempo mi darai un piccolo aiuto per il mio servizio d’informazione. Grazie!

ATM

Se non sei molto afferrato con l’informatica, gli ATM fanno al caso tuo. Essi, infatti, funzionano pressochè come dei bancomat con cui puoi acquistare bitcoin (BTC) introducendo gli euro che vuoi investire. Prima dell’acquisto ti verrà chiesta una verifica dell’identità che consiste in una registrazione di un documento, di una foto e di un’impronta digitale. Dove vanno a finire i BTC acquistati?? Ci sono due opzioni: la prima è che se possiedi un wallet (se vuoi capire cos’è un wallet ti rimando a questo articolo) facendo leggere il QRcode del tuo indirizzo, i BTC acquistati arriveranno direttamente nel tuo wallet. Nel caso in cui tu non possegga un wallet vi sono degli ATM (non tutti però) in cui puoi creartene uno al momento che verrà stampato dall’ATM stesso.

VANTAGGI: facilità di utilizzo, accessibilità a tutti
SVANTAGGI: scarsità (al momento in Italia ce ne sono circa 40), commissioni alte (dal 6% al 9%), varietà limitata di cripto acquistabili (solo BTC oppure Ethereum o Litecoin)

LOCAL BITCOINS

Se vuoi scambiare BTC direttamente con un’altra persona LocalBitcoins è la piattaforma che fa per te. Ti basta andare sul sito ufficiale e valutare qual è l’offerta migliore. Ci sono diversi metodi di pagamento: tramite postepay, PayPal, bonifico, Moneybookers e Skrill.
Personalmente non ho mai utilizzato questo metodo perchè nonostante la possibilità di valutare i feedback dei venditori non ho molta fiducia, inoltre anche qui le commissioni sono alte (7-10%). E’ vero che c’è la possibilità di fare lo scambio di persona, ma i venditori per l’Italia non sono tantissimi per cui c’è la possibilità di dover fare decine e decine di chilometri. Il gioco, per me, non vale la candela.

PRO: pochissime conoscenze informatiche necessarie
CONTRO: poca fiducia, commissioni alte, si può acquistare solo BTC


EXCHANGE

Questa è la metodologia per acquistare criptovalute certamente più utilizzata. Gli exchange sono piattaforme online che funzionano esattamente come i negozi di cambio della moneta estera negli aeroporti. Di exchange ne esistono centinaia: qui di seguito ti elencherò solo quelli che secondo me sono più facili da utilizzare e quelli che hanno dei volumi di scambio importanti.
Senza doverlo ripetere caso per caso, tutti gli exchange richiedono una registrazione e la verifica d’identità (KYC) che consiste nell’inserire dati personali con una foto di un documento d’identità e di una bolletta energetica/comunicazione bancaria per la verifica dell’indirizzo.

Coinbase

Questo è di sicuro l’exchange/portafoglio più famoso e più consigliato per chi vuole entrare nel mondo crypto. Tramite questa piattaforma si possono comprare criptovalute direttamente con la valuta fiat (euro o dollaro) tramite carta di credito (anche la postepay è accettata), PayPal o bonifico bancario. Personalmente utilizzo il bonifico che ha commissioni più basse (1,49%), mentre con la carta di credito si arriva al 3,99%. La differenza sostanziale è che con la carta di credito o, postepay, l’acquisto è immediato, mentre con il bonifico sono necessari i canonici 1-3 giorni lavorativi. Un punto a sfavore di Coinbase è che al momento sono supportate solo 12 criptovalute.
Inoltre Coinbase ha lanciato la piattaforma CoinbasePro che è un exchange vero e proprio in cui si può operare con ordini a mercato. Le fee sono 0.25% per gli ordini taker e 0.15% per gli ordini maker. La differenza tra maker a taker è che mentre i primi sono ordini nuovi che il trader mette a mercato aspettando che vengano abbinati, gli ordini taker sono operazioni che vanno a soddisfare ordini già presenti nel mercato. Nella figura qui sotto sono schematizzate le fee che vanno a scalare in base al volume di trading degli ultimi 30 giorni.

Transaction fees di Coinbase

Per la registrazione su Coinbase clicca qui

Binance

Binance è l’exchange più grande al mondo per quanto riguarda i volumi scambiati giornalmente. In questi giorni non sta vivendo un bel momento dopo l’attacco hacker che ha rubato poco più di 7000 BTC (40.000.000 di dollari), ma si riprenderà presto dato che il CEO ha comunque assicurato che gli investitori saranno rimborsati. Da questo due considerazioni: mai tenere le critpovalute negli exchange e Binance, pur non essendo obbligato a risarcire i danni, si dimostra così uno degli exchange più seri al mondo. Terminata questa parentesi torniamo a noi.
Rispetto a Coinbase, con Binance puoi fare tutto in una volta sola: comprare criptovalute direttamente con carta di credito e accedere all’exchange. Per quanto riguarda le commissioni anche la comodità si paga anche qui: il deposito con carta di credito prevede una tassa del 3.5%. Le transactions fee, rispetto a Coinbase, sono più basse: 0.1% sia per i taker che per i maker order.
Binance ha inoltre lanciato una sua criptovaluta, Binance Coin (BNB), grazie alla quale si possono avere dei vantaggi sulle transactions fee. Utilizzando, infatti, BNB per effettuare operazioni di scambio si ha un 25% di sconto.

Transaction fees di Binance
Per registrarti su Binance clicca qui

KuCoin

KuCoin è il terzo exchange che consiglio perchè oltre ad essere simile ai precedenti per facilità di utilizzo e deposito fiat tramite carta di credito (5% di tassa), permette di ricevere un passive income legato alla sua crypto chiamata KuCoin Shares (KCS). Mi spiego meglio. Tenendo all’interno dell’exchange almeno 6 KCS, KuCoin distribuirà giornalmente parte delle trading fee raccolte in KCS: scontato dire che più KCS si detiene, maggiore sarà il bonus che si riceverà.
A proposito di trading fee, Kucoin utilizza uno schema molto simile a quello di Binance come si può notare dalla figura qui sotto.

Transaction fees di KuCoin
Per registrarti su KuCoin clicca qui

CRIPTOVALUTE GRATIS

Sì…hai capito bene. Esistono dei siti (qui te ne consiglio due) in cui puoi ricevere cripto gratuitamente. Ovviamente sono cifre molto piccole, ma se non vuoi o non puoi investire neanche 1 euro allora puoi usufruire di queste opportunità. Il primo servizio si chiama EarnCripto in cui puoi guardare video, rispondere a sondaggi, svolgere delle microtask e in cambio riceverai dei punti che si tramuteranno automaticamente in criptovaluta. La particolarità di questo sito è l’ampia scelta di criptovalute che puoi guadagnare.

Il secondo sito è FreeCardano. Qui puoi ottenere, come dal nome, solo Cardano in un modo molto molto semplice: basta cliccare su “ROLL”, apparirà un numero e in base al range in cui cade quel numero si riceve la quantità relativa di Cardano. Dopo un’ora potrai fare un altro roll: la perdita di tempo è veramente minima!!

Please follow and like us: